Agriturismo Parco della Maremma | Vallarsa | Una gita all’Abbazia di San Rabano

Prenota il tuo soggiorono all’Agriturismo Vallarsa, l’Agriturismo nel Parco della Maremma e non perderti la bellissima Abbazia di San Rabano!

Agriturismo nel Parco della Maremma - san rabano

Proprio nel cuore del Parco della Maremma ed a pochissimi km dall’Agriturismo Vallarsa si staglia la bellissima Abbazia di San Rabano, o meglio, i resti di quello che era un tempo il Monastero di S.Maria ad Alberese. Una testimonianza storica molto antica risalente al XI secolo. Per la sua posizione strategica fu cinta da mura e da torri di avvistamento dopo il 1000, raggiungendo il suo massimo splendore nella seconda metà del XII secolo e rimasta attiva fino al 1475. I resti sono in buono stato e, se ci si trova in zona, meritano una visita! 

L’abbazia e la rispettiva torre si possono raggiungere facilmente dalla località de I Pratini, che si trova all’interno del Parco dell’Uccellina. L’itinerario si trova appunto all’interno del parco Naturale Regionale della Maremma, ed è uno dei più suggestivi di tutto il Parco, poiché salendo sui rilievi collinari immersi nella fitta macchia mediterranea si è “travolti” da panorami e paesaggi mozzafiato caratterizzati da pineta e il litorale con il suo mare cristallino. 

Una gita fuori porta sicuramente da non perdere che può essere svolta, in orari e giorni prestabiliti, anche in notturna! 

Agriturismo nel Parco della Maremma - san rabano3

Tra le alte piante di leccio svettano le pietre biancastre dell’Abbazia e del Monastero benedettino di S. Rabano. A pochi metri si trova la Torre Uccellina. La Chiesa, il cui nome ormai noto di S. Rabano, sembra derivi da trasferimenti al complesso di un tempietto con alcune reliquie del santo ubicato nella zona del “Romitorio”, era un tempo raggiungibile mediante una strada, chiamata della “regina”, che scendendo in una valletta, lo collegava con l’antica Aurelia a circa 1 Km dall’attuale frazione di Alberese.

Ben poco si è salvato dalla distruzione voluta dai senesi nel 1438, ad eccezione della chiesa, del campanile e della torre di avvistamento trecentesca del monastero. tuttavia è ancora leggibile, dai resti di mura, il recinto rettangolare fortificato e poche stanze annesse alla chiesa con volte a botte. Si pensa che esistesse un chiostro, con al centro una cisterna; mentre all’esterno si trova un pozzo, a fianco del sentiero di ritorno verso il mare. Fuori del recinto fortificato, alcune tracce di muratura e molto pietrame sparso ovunque indicano l’esistenza di altre probabili costruzioni.

La Torre di San Rabano o dell’Uccellina fu eretta intorno al 1321 e rialzata in un periodo posteriore. E’ da ritenersi certo che il rialzamento sia della metà del sec. XVI, poiché fu un periodo quello, in cui ci si occupò alla costruzione della maggior parte delle torri esistenti sul territorio, e questa doveva essere vista con esse. All’interno della torre sono riconoscibili le tracce di quattro piani, oltre quello terreno, al di sotto del quale presumibilmente, si trovava una prigione.