Blog

Agriturismo nel Parco della Maremma | Vallarsa | La Fauna del Parco dell’Uccellina

Settembre è un mese fantastico per godere degli ultimi giorni di mare, ma anche per andare alla scoperta di fantastici luoghi immersi nella natura. Ti aspettiamo all’Agriturismo nel Parco della Maremma Vallarsa per conoscere il Parco dell’Uccellina e i numerosi animali che lo popolano!

parco della maremma

Il Parco naturale della Maremma è una delle mete più interessanti della provincia di Grosseto, scelta ed amata molto dai turisti. Il Parco si estende per 9800 ettari comprendendo al suo interno un lungo tratto di costa, da Principina Mare a Talamone, gli ultimi terreni paludosi nei pressi della foce del fiume Ombrone e i Monti dell’Uccellina, ricoperti da una fitta macchia mediterranea e vaste distese erbose che si sviluppano ai loro piedi. Il Parco comprende colline che scendono verso il mare, spiagge sabbiose ed alte scogliere, paludi, pinete, campi coltivati e pascoli.

Il luogo è particolarmente adatto per escursioni in qualsiasi periodo dell’anno. E’ possibile prenotare guide per visite organizzate e scegliere diversi percorsi, da fare singolarmente o in gruppo, a seconda della durata e della difficoltà che si gradisce. Inoltre è possibile scegliere itinerari da fare a piedi, a cavallo, in bicicletta oppure in carrozza o in canoa. Una visita al Parco della Maremma significa farsi avvolgere dai profumi intensi della vegetazione, delle erbe aromatiche e delle bacche colorate, farsi guidare dai richiami degli animali, scoprire il lato dolce e al tempo stesso selvaggio di questo luogo così unico che sembra di stare in paradiso. 

LA FAUNA CHE POPOLA IL PARCO DELL’UCCELLINA

Data la varietà di ambienti che costituiscono il Parco numerose e di diverso tipo sono le specie animali che lo popolano. 

Ci sono infatti, zone agricole o adibite a pascolo, che sono l’habitat di molte specie di animali come il bovino maremmano dalle grandi corna e il cavallo maremmano, allevati allo stato brado. Poi si possono trovare lepri, ricci, volpi, tassi, cinghiali e istrici.

Inoltre anche numerose specie di uccelli popolano queste zone, tra queste: l’allodola, il saltimpalo, la gazza, lo storno, il passero, il cardellino, il barbagianni, la civetta, la cappellaccia, la ballerina bianca, la cornacchia grigia.

Nella fitta vegetazione della macchia mediterranea si ripara il capriolo, mentre il daino predilige le pinete. Le aree boschive sono popolate da merli, fiorancini, verzellini, tortore, cinciallegre, ghiandaie, upupe, strillozzi, verdoni, averle, codibugnoli, usignoli, picchi ed alcuni uccelli rapaci come poiane, gufi selvatici e gheppi.

Le zone umide del parco sono frequentate stabilmente da specie di germano realefolagaairone cenerinogallinellagazzetta e tufetto, mentre molti palmipedi e trampolieri possono essere visti occasionalmente: avocettabeccaccia di marecorrierepiovanellocombattente e in numero minore cicognegru e spatole.

Negli ambienti umidi o fluviali si trova inoltre la nutria. Infine molti mammiferi carnivori si trovano nelle grotte alla base dei rilievi, come la puzzola, la martora, la faina, la donnola, la volpe e il rarissimo gatto selvatico.
Il coniglio selvatico, preda preferita di molti di questi animali, preferisce invece le dune sabbiose.