Blog

Agriturismo in Maremma | Vallarsa | Le meraviglie dell’Isola del Giglio

L’isola del Giglio e le sue meraviglie a pochi km dall’Agriturismo in Maremma Vallarsa.

L’isola del Giglio, una baia dell’Arcipelago Toscano situata di fronte al Monte Argentario, è una piccola meraviglia tutta da scoprire. Famosa soprattutto per le sue bellezze naturali è caratterizzata da un paesaggio prevalentemente selvaggio e da un mare cristallino ricco di fondali strepitosi e di tante e varie specie di pesci. Il luogo ideale per gli appassionati subacquei. 

Con 1 ora di traghetto, partendo da Porto Santo Stefano, è possibile raggiungere il piccolo e unico porto dell’isola. Qui troverete case multicolore, tanti caratteristici negozietti e botteghe artigianali, con oggetti del posto, tutti da visitare, bar e ristoranti con terrazze sul mare, che rendono coloratissimo questo scorcio dell’isola.

Dal porto è possibile arrivare alle due calette più belle dell’isola: le Cannelle e le Caldane. Prendendo invece l’autobus o la propria auto, dopo un tragitto di 20 minuti, fra curve e tornanti immersi nella macchia mediterranea dell’isola, si arriva al Campese.

Qui la spiaggia è una lunga striscia di sabbia, la più lunga di tutta l’isola, composta da piccoli cristalli di quarzo, delimitata da una parte dal Faraglione e dell’altra dalla Torre Medicea, un tempo isolata sugli scogli e adesso collegata alla terra da un piccolo ponte.

Impossibile arrivare al Campese e non tuffarsi nelle splendide e cristalline acque. Diversi locali, dove è possibile gustarsi squisiti aperitivi in compagnia di stupendi tramonti, animano la baia che è diventata una moderna località balneare.

Infine doverosa è una visita al Giglio Castello, inserito tra i “borghi più belli d’Italia”. Imponenti mura circondano in paese che è caratterizzato da strette stradine e vicoli, sormontate da archi e abitazioni storiche.

Meritano una visita la Rocca Aldobrandesca, nella parte più alta del castello che domina tutto il territorio ed il mare circostanti, e la chiesa madre, che conserva l’ulna destra di San Mamiliano, patrono del Castello, che ricorre il 15 settembre: un evento per tutta l’isola. 

Terminate la visita a Giglio Castello in una delle sue cantine dove poter degustare il vino Ansonica, il genuino e autentico vino dell’Isola del Giglio, la cui vite viene coltivata in piccoli terrazzamenti a picco sul mare.